I criteri di qualificazione per il formatore, Decreto 6 marzo 2013

Home Formazione sicurezza sul lavoro I criteri di qualificazione per il formatore, Decreto 6 marzo 2013

Il Ministero del Lavoro insieme al Ministero della Salute ha pubblicato un decreto riguardante i criteri di qualificazione dei formatori per la salute e sicurezza sul lavoro. Si tratta del decreto 6 marzo 2013, che è entrato in vigore un anno dopo, il 18 marzo 2014 e ha introdotto delle norme, agli articoli 34 – 37, e dei criteri importanti per chi svolge il lavoro di formatore.

I criteri del decreto 6 marzo 2013 riguardano i soggetti formatori che per poter svolgere il lavoro di docente in materia di sicurezza e salute del lavoro devono dimostrare di essere in possesso di conoscenza, esperienza e capacità didattica, nelle tre aree tematiche:

  • normativa/giuridica/amministrativa;
  • rischi tecnici/igienico – sanitari;
  • relazioni/comunicazione.

I potenziali formatori, inoltre, devono possedere un prerequisito e rispondere ad almeno uno dei sei requisiti minimi. Il prerequisito riguarda il possesso del diploma di scuola secondaria superiore, mentre i sei criteri sono i seguenti:

  • aver svolto in passato l’attività di docente per almeno 90 ore ultimi tre anni;
  • avere una laurea (quinquennale, triennale o specialistica) in materie coerenti con il tema della docenza;
  • possedere un attestato di frequenza ad un corso di formazione (64 ore) in materia di sicurezza e salute sul lavoro;
  • possedere un attestato di frequenza ad un corso di formazione (40 ore) in materia di sicurezza e salute sul lavoro;
  • avere esperienza lavorativa di almeno tre anni nel settore della salute e sicurezza sul lavoro;
  • avere esperienza semestrale nel ruolo di RSPP o annuale nel ruolo di ASPP.

Infine per quanto riguarda l’aggiornamento, il formatore è tenuto a seguire dei corsi di aggiornamento ogni tre anni.

corsi formazione sicurezza lavoro